Vorrei amarti

August 28th, 2013 § 0 comments § permalink

Voglio amarti come l’alba virginale il giorno.

Amarti dolcemente come la rugiada l’erba
che giace nella mattina brillando sotto il sole.

Oggi uccellini leggeri girano nel cielo e cantano.

Vorrei amarti quando fiorisce il tuo sorriso
come un timido giglio di primavera.
» Read more «

Dossier TAV, una questione democratica di Claudio Calia

January 8th, 2013 § 0 comments § permalink

Dossier TAV di Claudio Calia cover Io di fumetti ne so ben poco. La mia esperienza in materia è limitata ad un’ormai polverosa collezione di svariati numeri di X-Men degli anni Ottanta che avevo accumulato tra l’età di sei e sedici anni. All’epoca passavo ore infinite a sfogliare quei numeri, seguendo i protagonisti nelle loro vicende eroiche e personali. Sapevo tutto del passato tormentato di Wolverine e della sua vendetta personale contro il potere arrogante dello Stato. Ma poi sono cresciuto: ho lasciato quel mondo di fantasia giovanile per occuparmi di cose serie come la filosofia e la politica. Ora, leggendo il Dossier TAV, una questione democratica di Claudio Calia, mi rendo conto che, appunto, di fumetti ne so pochissimo. Dunque, da profano che si occupa di cose serie, vorrei qui condividere qualche riflessione riguardo la fantasia giovanile di questo libro. » Read more «

El Redentor robà

August 23rd, 2012 § 0 comments § permalink

Łu el xera xa sentà łà fora có sémo rivai nialtri. El jera in mexo a łe ułtime careghe de plàstega verde ingrumae in fondo al campo Santa Marghe, ciacołando co na puteła bionda e co un birin in man. Xera quaxi un boto e ła xente xera drio tornar caxa ma se vedeva che łu, inbriago, el ndava vanti a sercar de intortar ła pora fia. Andrea ne gaveva dito de trovarse in campo par tor dó spris e par metarse d’acordo par doman : xera ła festa del Redentor e ghe gavémo dito a staltro de far ła spéxa parché el gavéva ła barca più granda. Nialtri gavémo sborsà dósento bei euri a testa par far un feston bueo sto an.
“Oi, Marco ! Come buta ?” Có che Marco ga sentìo ła voxe de Andrea, el se ga drisà sú ła só carega.
“Eilà, Andrea ! Xe ben, xe ben…” Marco ga butà xó el só birin tuto in un fià prima de continuar, “E ti, come ti xe ? Ti ti ga perso par el caìgo ?”
“No, no, stago benon mi.” Andrea se moveva pian, barcołando sóra quełe só gambe longhe e fiache dopo na giornada de lavoro. “Ma ti ti conosi Tommi ? Xe łu che ga butà stialtri schei par tor ła roba.” Gnanca ora che Andrea se faxeva da parte par presentarme, Marco se ga levà e el me ga dà ła man. El xera baséto come mi, ma el gavéva dó spałe come un toro. I só brasi grosi e ła só pełe mora incandìa tradiva el fato che el gavéva faticà in barca tuta l’istà.
“Ciao beo, piaxer.” Có el me ga streto ła man, el me ga vardà incuriosìo e el ga dito, “Ma mi ti gò visto in giro a Casteło, no ?”
“Boh, pol èser. Mé caxa xe łà, drio ai jardini. Venexia xe tanto picoła, sa…”
“Ciò, ti ga dito ben. Infati, calchedun me ga dito che ti xe un scritor…” E finché el xe perso a farme miłe domande sú el mé lavoro e sú i mé giri de amighi venexiani, ła fia sentà drio de łu ga ciapà l’occasion, sita sita, par scampar via. Soło dopo un bel toco el se ne gavéva rexo cónto.
“Ma diocan, ‘ndo xea ndada ?! No me ga gnanca saludà, ‘sta stronsa !” El ga tirà na rafica de bestemie che xèrimo piegai in dó da łe ridae, “Sì, sì, ridé, ridé. Dài, ndemo a bévar na roba par piaxer.”

[...]

Da pergamena a pellicola: Sulla strada

June 14th, 2012 § 0 comments § permalink


La prima volta che incontrai il Rotolo era arrivato a Parigi da poco. Avevo appena organizzato una gita collettiva con altri poveri poeti parigini per vedere la prima mondiale del film Sulla Strada di Walter Salles e una visita gratuita al Museo di lettere e manoscritti era compresa nel prezzo del biglietto, come parte della massiva campagna mediatica per l’uscita del film. Poiché avevo pensato che non avrei mai avuto l’occasione di vedere il Rotolo originale (appartiene ad un privato e può essere visto dal pubblico soltanto in una manciata di mostre sparse attraverso il globo a intervalli irregolari), ho corso verso la fermata della metropolitana più vicina con il mio ingresso libero e mi sono precipitato sulla rive gauche. » Read more «

non si ricorda. no : lei. (no. 2)

April 11th, 2011 § 0 comments § permalink

egli c’era : a portare il peso del passato. grappa in bocca. che non assaggiava da anni. a ricordare. lunghe serate passate piegato sul pianoforte, a bere. cemento freddo, tutt’intorno. la serata si fa di là, con loro a bere. a ricordare : scontri e sassate, molatov. passamontagna in mano a fare, zizza e pizza ogni sera o due. ma ritornare. sempre dentro, immenso mentre mento. tutt’assieme. a ricordare la serata di là mentre parlava. no : di quel ricordo e quando. che uno si fa di là. lungo gli anni, ripeteva. no : loro sempre di meno. quando lei gli faceva. no : quando sparisce qualcuno. perché non si sapeva. no : ci stava dentro. quella serata là. andava tutto bene. a mentire sospiri che lei si faceva. non una menzogna, al sentire dire. disco droghe degne non lo. sembra come ieri. grappa in bocca.
» Read more «